2 Marzo 2021

Neuroscienze e Psicologia su Mente e Coscienza – NPMC.IT

Neuroscienze e Psicologia su Mente e Coscienza – NPMC.IT

La Full Outline of UnResponsiveness per la valutazione del livello di coscienza in pazienti intubati

Full Outline of UnResponsiveness

Full Outline of UnResponsiveness

Tra gli strumenti più utilizzati in ambito clinico per la valutazione del livello di coscienza vi è la Full Outline of UnResponsiveness o FOUR. Questa scala è stata sviluppata dal Dr. Eelco F.M. Wijdicks e colleghi del Neurocritical care presso la Mayo Clinic di Rochester, Minnesota, ed è composta da 17 punti (con punteggi che vanno da 0 a 16, dove punteggi più bassi indicano peggioramenti nel livello di coscienza). La FOUR consente la valutazione di 4 domini; risposte oculari, risposte motorie, riflessi del tronco encefalico e respiro. Per ciascun dominio viene applicato un punteggio che va da 0 a 4. Si riporta di seguito una descrizione più approfondita di ciascun dominio:

  • Risposta oculare (O): 4 punti se il soggetto tiene aperte le palpebre, se si riscontra inseguimento oculare o ammiccamento su comando. 3 punti se si osservano palpebre aperte in assenza di inseguimento oculare. 2 punti se le palpebre sono chiuse ma si aprono su comando vocale. 1 punto se le palpebre sono chiuse ma si aprono come risposta ad uno stimolo doloroso, mentre si assegnano 0 punti se le palpebre restano chiuse in risposta ad uno stimolo doloroso.
  • Risposta motoria (M): si assegnano 4 punti se il paziente fa segno con il pollice, segno del pugno o della vittoria. 3 punti se c’è localizzazione dello stimolo doloroso. 2 punti se vi è risposta in flessione allo stimolo doloroso, mentre 1 punto se risponde in estensione allo stimolo doloroso. Infine, non si assegna alcun punto se non vi sono risposte in seguito a stimoli dolorosi o stato di male mioclonico generalizzato.
  • Riflessi del tronco encefalico (T): si assegnano 4 punti se vi sono riflessi pupillari e corneali. 3 punti se midriasi fissa unilaterale. 2 punti se riflessi pupillari o corneali assenti, mentre 1 punto se riflessi pupillari e corneali assenti. Per concludere, 0 punti se vi è assenza di riflessi pupillari, corneali e della tosse.
  • Respiro (R): si assegnano 4 punti se il paziente non è intubato e ha respiro nella norma. 3 punti se non intubato con respiro Cheyne-Stokes. 2 punti se non intubato ma con respiro irregolare, mentre 1 punto se respira ad una frequenza superiore al ventilatore. Non si assegnano punti se respira alla stessa frequenza del ventilatore o se vi è apnea.

La FOUR consente quindi una valutazione clinica di pazienti con livello di coscienza ridotto e con o senza intubazione endotracheale. È da sottolineare che la FOUR si rivela essere uno strumento indispensabile nei casi in cui i pazienti sono intubati, in quanto non è possibile somministrare loro la Glasgow Coma Scale (GCS), che è considerata la scala principale per la valutazione del livello di coscienza, per l’impossibilità di valutare correttamente risposte verbali.

Il punteggio FOUR è stato validato in riferimento alla GCS e riporta buone proprietà psicometriche come: sensibilità, specificità, accuratezza e valore predittivo positivo.

Per concludere, si riportano le parole del Dr. Eelco F.M. Wijdicks, ideatore della scala, in merito allo sviluppo della FOUR: “La ragione principale per impiegare la scala FOUR è dovuta alle carenze della Glasgow Coma Scale. Quando comunicavo il GCS score, mi sono sempre sentito non informato e ho anche notato uno scarso uso dei suoi singoli componenti con molti medici che ricorrevano a un punteggio di somma utile (cioè, GCS 3, GCS 8, GCS 14). Il punteggio FOUR è invece facile da usare ed è stato convalidato in numerosi studi ed in moltissimi paesi e sta rapidamente diventando la scala più validata in neurologia”.


Bibliografia:

Wijdicks EF, Bamlet WR, Maramattom BV, Manno EM, McClelland RL (2005). “Validation of a new coma scale: The FOUR score”. Annals of Neurology58 (4): 585–93. doi:10.1002/ana.20611PMID 16178024

Wolf CA, Wijdicks EF, Bamlet WR, McClelland RL (2007). “Further validation of the FOUR score coma scale by intensive care nurses”. Mayo Clinic Proceedings82 (4): 435–438. doi:10.4065/82.4.435PMID 17418071

Iyer VN, Mandrekar JN, Danielson RD, Zubkov AY, Elmer JL, Wijdicks EF (2009). “Validity of the FOUR score coma scale in the medical intensive care unit”Mayo Clinic Proceedings84 (8): 694–701. doi:10.4065/84.8.694PMC 2719522PMID 19648386


Autore: Davide Bertelloni

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com